27/08/12

Recensione: Mind Game

Mind Game
マインド・ゲーム Mind Game
Masaaki Yuasa
Giappone, 2004

Nishi è un ventenne come tanti, insicuro e insoddisfatto della vita, che sogna di diventare un mangaka. Un giorno incontra per caso Myon, amica d’infanzia della quale è da sempre innamorato; nel bar gestito dalla sorella di lei fanno irruzione due yakuza che vogliono riscuotere un debito dal padre delle ragazze. Nella confusione Nishi viene ucciso ed è catapultato nell’aldilà, dove incontra una divinità che cambia forma continuamente. Deciso a prendersi ad ogni costo una seconda possibilità, il giovane fugge e il dio gli concede di ridiscendere sulla terra: tornato al momento della sua morte, riesce a evitarla e a fuggire insieme a Myon e alla sorella, con i mafiosi alle calcagna. Durante un inseguimento mozzafiato la macchina su cui viaggiano i tre precipita in mare ed è inghiottita da una balena. All’interno del cetaceo abita già un anziano, che insegna ai ragazzi a sopravvivere in quella difficile situazione.



Tratto dall’omonimo manga di Robin Nishi, prodotto dallo Studio 4°C e diretto da Masaaki Yuasa nel 2004, Mind Game è un prodotto d’animazione unico, eccessivo e geniale.
Il regista utilizza tecniche e stili diversi, fondendo disegni tradizionali e riprese live, CG e tratti infantili e super-deformed, passando da un uso del colore realistico a momenti psichedelici, quasi accecanti.
Il gioco di Yuasa prevede anche la fusione di diversi generi cinematografici, mischiati in modo sempre più imprevedibile e assurdo, utilizzanto tecniche narrative differenti e alternando momenti introspettivi e attimi di azione frenetica.

Mind Game

Uno dei punti di forza di Mind Game è senza dubbio nelle intuizioni visive strabilianti del suo realizzatore. La rappresentazione di dio come essere multiforme, in continua evoluzione, è una delle migliori trovate del film, che da quel momento in poi sarà un crescendo di assurdità e lampi di genio.
Accostando registri opposti tra loro, dalla comicità più volgare alla violenza più cruda, fino a toccare attimi di poesia e introspezione, Yuasa dà vita a un lavoro indefinibile e visionario, senza eguali nella storia dell’animazione nipponica.

Mind Game

L’impatto delle animazioni è forte e immediato, ma la trama non rimane un pretesto per sterili esercizi di stile e non si limita a trattare tematiche superficiali. Ognuno dei protagonisti ha dovuto rinunciare, per motivi diversi, a qualcosa: un sogno, un amore, un’ambizione. Chiusi nella balena, convinti di non poter mai più vedere il cielo, iniziano a conoscere se stessi, sono obbligati a fare i conti col proprio passato e scoprono una forza che non credevano di possedere, che li porta a fare di tutto per fuggire e a riprendersi la loro vita. L’esperienza è fondamentale per la loro crescita interiore, fa acquisire ai giovani una consapevolezza nuova e li porta a compiere scelte che determineranno il loro futuro.
Sono proprio le scelte, influenzate da ciò che si è perso e da ciò che si vuole ottenere, il fulcro del film: ogni storia cambia in seguito a eventi apparentemente irrilevanti, ogni decisione può determinare finali sempre diversi, vite ogni volta differenti.
Voto: 8½

10 commenti:

  1. Bizzarro, dovrei vederlo per capire se mi piace (cosa che farò...fra qualche anno visto il numero di opere che ho in lista)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo è particolare, ma vale una visione!

      Elimina
  2. Dalla locandina infatti mi chiedevo se fosse un anime o un film o.. Un misto. Da vedere... Ma anch'io per ora avrei tante cose da vedere e pochissimo tempo per trovarle e godermele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è un anime in tutto, soltanto i visi dei personaggi, quando sono visti in primo piano, sono quelli di celebrità giapponesi. Quando hai tempo dagli un'occhiata perché a te potrebbe piacere, di animazioni del genere se ne vedono raramente.

      Elimina
  3. Sembra molto particolare, diciamo un'opera da aggiungere alla lista di quelle "strane". Mi piace l'idea dei vari stili che si intersecano, gli darò un'occhiata ^^

    PS ho visto il film di Battle Royale, sto preparando una recensione con commento film vs manga ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È decisamente strano, ma anche unico: se ti interessa l'animazione giapponese prima o poi devi vederlo.
      Attendo impaziente la recensione, così finalmente mi farò anche un'idea riguardo al manga che è l'unica cosa che mi manca!

      Elimina
  4. Sembra davvero particolare.
    Non riesco però a capire il nesso col titolo °_°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che tutto il film è una sorta di "gioco", gioco di stile e anche di intrecci nella trama. Non è spiegato esplicitamente, ma guardandolo credo si percepisca.

      Elimina
  5. Grande Yuasa!
    Film che rappresenta un'eccezzione negli anime... Visionario fino al midollo, metaforico e folle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, mai visto nulla di nemmeno lontanamente assimilabile a questo film. Ogni appassionato dovrebbe vederlo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...