19/01/12

Recensione: Sweat Punch

Sweat Punch
Sweat Punch è una serie di cinque cortometraggi animati dello Studio 4°C, ognuno dei quali è diretto da un diverso regista.
L'ho scoperto grazie ad un post in cui Mirage recensiva Kigeki, il terzo episodio.
Particolarmente interessante è lo stile di animazione estremamente personale che caratterizza ogni segmento. Più che creare trame complesse ci si è concentrati qui sull'aspetto visivo, con risultati a mio parere apprezzabilissimi. Del resto i lavori dello Studio 4°C puntano spesso sulla qualità delle immagini, che risultano originali rispetto alla maggior parte degli anime in circolazione.

Tra storie di fantascienza in salsa giappo-punk e disegni che preannunciano il bellissimo Tekkonkinkreet, buffe marionette, mecha e inquietanti ambientazioni gotiche, lo spazio per sperimentare nuove idee c'è tutto, e viene utilizzato al meglio.


In Professor Dan Petory's Blues una marionetta irriverente spiega, a suon di blues, questioni fondamentali come la ragione per cui la Terra appare blu e quella per cui le navicelle spaziali volano a zigzag.
End of the World è la storia fantascientifica di una ragazzina aliena che, dopo un concerto punk, sale su una strana bestia meccanica e va ad uccidere dei mostri appartenenti ad un'altra dimensione.
Kigeki (lett. "Commedia") racconta dell'incontro tra una bambina irlandese, decisa a difendere il suo popolo dagli inglesi, e un cavaliere misterioso e oscuro che combatte in cambio di libri.
Higan (Enlightment), ambientato in un mondo futuristico in cui le guerre si combattono coi robot, mette in scena una cruenta battaglia tra mecha guidati da esseri umani.
Infine Gakuta no Machi (Junk town) racconta in toni luminosi l'incontro, destinato ad avere risvolti inquietanti, tra un bambino e un piccolo robot. Personalmente è quello che ho preferito: pur in poco tempo riesce a trasmettere un senso di partecipazione alla vicenda che non ho percepito negli altri.

9 commenti:

  1. Sembra interessantissimo, grazie mille anche di aver pubblicato i link!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla, li ho inseriti perché alcuni non si trovano facilmente, volevo evitare a chi fosse interessato la fatica di cercarli a destra e a manca.

      Elimina
  2. Grazie! non li conoscevo affatto! Appena ho un minuto li guardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo fammi sapere cosa ne pensi, di animazione sai molto più di me :)

      Elimina
  3. Avevo visto anche io Kigeki dopo la recensione di Mirage ma gli altri me li sono persi. Urge recuperare (grazie per i link, io da questo punto di vista sono pigra e non li metto mai) ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kigeki, dopo Gakuta no Machi, è quello che mi è piaciuto di più, e pare essere famoso vista la quantità di video su Youtube. Di alcuni degli altri invece pare ci sia una sola copia sottotitolata.

      Elimina
  4. Io ho visto solo Kigeki tantissimo tempo fa e mi è piaciuto. Non ho mai recuperato gli altri, ma lo farò quanto prima perché i corti, come avrai notato, mi appassionano moltissimo! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido la tua passione e mi fa piacere averti segnalato qualcosa che non conoscevi!

      Elimina
    2. Infatti ti ringrazio! ^_^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...