22/06/12

Recensione: Il piccolo principe e il drago a otto teste

Il piccolo principe e il drago a otto teste Wanpaku Ōji no Orochi Taiji わんぱく王子の大蛇退治
Yūgo Serikawa
Giappone, 1963

Il giovane dio Susanoo, incapace di rassegnarsi alla morte della madre Izanami, ignora gli avvertimenti del padre Izanagi e parte per ritrovare l'amata genitrice. Dopo diverse disavventure e molti incontri, Susanoo conosce la dolce principessa Kushinada, minacciata da un terribile drago a otto teste, e decide di uccidere il mostro per riportare la pace nel regno dell'amica.

La storia del film è tratta da alcuni brani del Nihon Shoki (Cronache del Giappone, 720 d.C.), che narra gli eventi leggendari che portarono alla nascita dell'arcipelago e all'origine della dinastia regnante, tradizionalmente ritenuta discendente degli dei. I protagonisti fanno parte del pantheon shintoista e quello in cui si muovono è un mondo mitologico, popolato di creature magiche e animali parlanti, ragazzini coraggiosi, divinità più o meno magnanime.
Susanoo, a metà tra temerarietà e infantile imprudenza, parte per la sua missione senza alcuna paura e proprio questa spavalderia sarà infine la sua arma vincente.

Il piccolo principe e il drago a otto teste
Susanoo e Izanami

La grafica stilizzata e minimale, la finezza del tratto e i raffinati fondali, abbelliti da motivi decorativi tradizionali, si uniscono ad animazioni che reggono bene al peso degli anni e raggiungono nelle scene più dinamiche un realismo sorprendente.
Il film vinse nel 1964 il premio Noboru Ofuji ed è tutt'oggi considerato uno dei più riusciti lavori della Toei, una di quelle opere indispensabili nella collezione degli appassionati di animazione nipponica.

Il piccolo principe e il drago a otto teste
Il drago a otto teste

Il piccolo principe e il drago a otto teste non supera del tutto indenne i quasi cinquant'anni che lo separano da noi, abituati ad animazioni roboanti, personaggi sfaccettati e continui stimoli, ma rimane una favola positiva, profondamente radicata nella tradizione giapponese e ricca di fantasia come ogni buon cartone animato dovrebbe essere.
Voto: 7

12 commenti:

  1. La locandina è fantastica. Sembra il riassunto del film disegnato da un bambino, mi piace proprio tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, è veramente adorabile. Il film in generale ha un immaginario molto adatto ai bambini, la locandina lo rappresente bene.

      Elimina
  2. Sembra carino e avventuroso.
    Aggiungo alla lista che forse inizierò a spulciare in autunno T_T...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le avventure non mancano, il protagonista affronta diversi avversari in un crescendo di difficoltà e i combattimenti sono tutti resi in modo interessante.

      Elimina
  3. Ti faccio i complimenti per il tuo lavoro di ricerca; ah, se gli appassionati fossero tutti come te!
    Sei d'accordo con me nel dire che l'animazione Giapponese degli anni 60 e 70 era, in generale, molto migliore di quella degli anni 80?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', amando l'animazione giapponese mi sembra giusto conoscerne anche le origini! Per ora conosco ancora poco dei lavori degli anni 60 e 70 quindi non saprei esprimere un giudizio oggettivo, ma continuerò ad approfondire per farmi un'idea più precisa a riguardo.

      Elimina
  4. Interessantissimo, devo decisamente recuperarlo ^^ Mi ispira decisamente il tema e poi non mi dispiace neanche lo stile ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stile è un po' infantile ma in senso buono, in generale mi piacciono i lavori simili a questo. Il fatto che sia tratto da un testo classico di mitologia del Giappone poi mi ha intrigata molto.

      Elimina
  5. Lo inserisco nella lista dei film da vedere!Grazie per le tue recensioni sempre interessanti!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, per me è sempre un piacere! :)

      Elimina
  6. Film senza dubbio interessante, specie per me che sono particolarmente ignorante in materia. Però graficamente forse mi attira di più la locandina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa locandina della versione americana è particolarmente graziosa, la grafica del film è un po' diversa.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...