13/03/14

Mancanze

So make your siren's call
And sing all you want
I will not hear what you have to say

Cause I need freedom now
And I need to know how
To live my life as it's meant to be
Il Giappone mi manca, ma non tanto quanto pensassi. Intendiamoci, non c’è giorno in cui non vorrei svegliarmi con la musichetta del furgoncino della carta da riciclare (se solo l’avessi registrata!), inforcare la mia fedele bici Tetsuo e filare giù per Senbon dori. Ora poi, che gli ume colorano il Kitano Tenman-gu di rosa e bianco, e i sakura si preparano per avvolgere la città coi loro petali leggeri, non c’è nessun altro posto al mondo in cui vorrei trovarmi.

ume
Eppure, guardando le foto, ritrovando angoli conosciuti in anime e film, non mi prende quel groppo in gola che ero certa sarebbe stato la mia condanna perpetua dopo il ritorno. E, ve lo posso assicurare, non è perché qui abbia qualcosa a compensare quello che ho perso. Se cerco di capirne la ragione, non ho davvero bisogno di pensarci più di tanto.
Fin dal momento in cui ho messo piede sull’aereo, lo sapevo. Quando sono tornata a Bologna, era chiaro. Qui non è più casa, e non c’è modo perché torni a esserlo, non a breve almeno. A qualunque costo, mi sono promessa che sarei tornata in Giappone entro l’anno.

ume

ume

Le mie ultime parole su suolo nipponico sono state I’m coming back. Hej då, e anche se tanto è cambiato adesso e quelle parole forse hanno perso di significato, da quando sono qui quello è il mio pensiero fisso, è lì che sono costantemente proiettata, è quello lo scopo per cui mi sto impegnando ogni giorno. Tornare indietro.

ume

ume


umeAdesso, citando una persona a cui voglio molto bene, mi concentrerò solo sui miei progetti, miei perché veramente miei, Elena al centro. Non lo so proprio, come andrà da qui in avanti, ma se posso ricominciare a essere curiosa ed emozionata pensando al mio futuro, allora sto facendo la cosa giusta.

(tutte le foto sono state scattate domenica scorsa al Kitano Tenman-gu da Tomoko, una delle due persone a Kyoto che ho una voglia pazza di riabbracciare)

18 commenti:

  1. Fai bene a concentrarti sui tuoi progetti, questo è un momento fondamentale della tua vita che è bene sfruttare al massimo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio di riuscire a tirarne fuori più cose positive possibile! Di sicuro so che non voglio fermarmi proprio ora. :)

      Elimina
  2. Che meraviglia di foto!!! Fra due settimane partirò per il Giappone e per i primi di aprile sarò a Kyoto, speriamo che i ciliegi non si facciano attendere o non siano frettolosi! XD
    Credo che la mancanza si senta di meno se hai un obiettivo, il fermo proposito di ritornare. Che ci voglia un mese, sei mesi o quel che sarà, la certezza del proprio sogno da realizzare. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primi di aprile i sakura dovrebbero essere in fiore a Kyoto, sono sicura che sarà splendido!
      Infatti, per me è solo un distacco temporaneo, quindi non la vivo come qualcosa di irreparabile. Spero di essere di nuovo là prestissimo!
      Buon viaggio, salutami Kyoto! :)

      Elimina
  3. Brava, penso che concentrarti su te stessa e sui tuoi progetti ora sia la cosa più importante.
    Ti auguro ogni bene e tanta fortuna! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio!
      Per ora voglio progettare il mio futuro, senza altri pensieri di mezzo. Speriamo vada bene! :)

      Elimina
  4. Bene, il futuro non è mai facilmente prevedibile, ma la determinazione aiuta a costruirlo al meglio. Per cui se hai dei piani metticela tutta e andrai dove vorrai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, di certo non è una strada in discesa, ma se non provo con tutto il mio impegno finirò per pentirmene. Grazie per l'incoraggiamento!

      Elimina
  5. Mi sembra un ottimo modo di affrontare il problema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro è l'unico modo per me! :)

      Elimina
  6. L'impegno e la costanza ti porteranno ovunque vorrai, in bocca al lupo Elena san. Gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gianna san, lo spero proprio! E ti auguro che anche tu, se lo vorrai, possa un giorno tornare in Giappone!

      Elimina
  7. Sono sicura che realizzerai tutti i tuoi desideri. La costanza e la tenacia non ti mancano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, lo spero davvero! Io di mio ci metto tutto quel che posso, spero sia abbastanza!

      Elimina
  8. Credo sia meraviglioso non provare il senso di mancanza nostalgica, probabilmente è il regalo più bello che la cultura orientale ti sta facendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temevo sarebbe stato molto più doloroso il distacco da Kyoto, ma avere un obiettivo aiuta a tenere l'umore un po' più alto!

      Elimina
  9. Che strano, capitare sul tuo blog... anche io sono di Bologna (ti sei laureata con Takeshita anche tu, per caso?), anche io sono a Kyoto e anche io ho nell'orecchio la musichetta del furgoncino... ero a Kitano Tenmangu stamattina, poi cercando altro mi sono imbattuta nel Daruma-dera... buffo trovare qualcuno che ha percorso gli stessi passi e che ricorda le stesse cose che anche io ricorderò un giorno, quando tornerò in Europa (non so dove). Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Donatella, grazie per il commento!
      Strano davvero trovare qualcuno che ha percorso tante strade in comune con me. Anche io ho studiato con Takeshita, e nonostante i molti progressi fatti dopo continuo a essergli grata per avermi guidata all'inizio della mia lotta continua con il giapponese.
      Ti auguro che la tua vita a Kyoto sia bella come lo è stata la mia, e chissà che non ci si incroci tra quelle vie un giorno. A presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...