28/09/12

Verso il Giappone #4: tempo di saluti, ovvero un post decisamente personale

sayonara
Sono giorni strani, questi, in cui continuo a rimandare cose che dovrei aver già fatto e mi illudo che il tempo non stia per scadere. Forse non lo sapete, ma sono la regina della procrastinazione, io.
Ho chiuso la valigia, saltandoci sopra per schiacciarla, e il mio bagaglio a mano supera di ottocento grammi la misera franchigia di sette chili di Emirates, ma spero siano magnanimi con me.
In questi giorni, in barba a tutte le faccende arretrate che avrei dovuto sbrigare, la mia priorità è stata centellinare il tempo in modo da passarne il più possibile con le persone che contano.
Dall'ultima settimana mi rimangono flash vari di incontri felici, una cena con i parenti durante la quale mi hanno fatto un mucchio di domande interessate e curiose, nessuna delle quali finirà nella famigerata lista; un aperitivo con gli amici, che mi hanno riempita di regalini azzeccatissimi e pensieri dolci. C'è chi mi scrive mail e messaggi, chi mi abbraccia, chi mi incoraggia a modo suo e chi mi racconta di quando è stato in Giappone, e io voglio molto bene a tutti.

Per ogni persona che salutavo per l'ultima volta prima del salto, il mio magone aumentava e aumentava, perché so che tutto questo affetto mi mancherà, quando sarò di là dall'oceano.
Faccio rifornimento di voci conosciute, sorrisi, battute già sentite mille volte che - penso oggi - non mi stancheranno mai.
Mi basterà questa scorta di pensieri belli? Per il momento non vedo l'ora di tornare con una valigia piena di regalini scemi e kitkat al wasabi, e intanto ringrazio ancora una volta chiunque in questi giorni mi abbia dedicato anche un solo minuto del suo tempo, un piccolo augurio di fortuna.

radiohead bologna
Radiohead, Bologna, 25 settembre 2012

C'è stato anche un concerto, forse non di quelli che emozionano fino a farti esplodere, ma uno durante il quale hanno suonato Idioteque, che è poi la canzone grazie a cui io e Paolo ci siamo conosciuti. Ora come non mai, è stato un concerto nostro. Staccarmi da lui è la cosa più difficile del mondo.

Stamattina mi sono svegliata e sembrava un giorno normale. Volevo rimanere a poltrire, restare nel limbo grigio tra sonno e veglia, rimandare ancora la consapevolezza che è arrivato quel momento. Fino ad oggi ho pensato che in fondo avrei potuto fermare tutto, volendo. Potevo svegliarmi una mattina e dire No, non me la sento. Invece adesso è proprio ora di partire.
Perdonatemi se non riuscirò a leggervi e commentarvi come ho fatto finora, ma farò del mio meglio. A presto.

18 commenti:

  1. Ciaoooo! Mi piacerebbe conoscerti di persona, ma tramite internet è un po' come se fossimo vicine di casa, no?
    Poi, chissà... se mr. Fedo continua ad insistere, magari ci finiamo davvero in Giappone (stiamo vagliando ogni possibilità).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vicine di casa, sì mi piace! Se "devi" farti convincere a venire in Giappone fallo quest'anno, eh!

      Elimina
  2. Che bel post, che belle parole! Buon viaggio , ti auguro una bellissima esperienza!

    RispondiElimina
  3. Leggendoti mi stava scendendo la lacrimuccia!!!
    Vai Elena e spacca il mondo, noi saremo qui ad aspettarti, pronti a leggere della tua nuova vita e disavventure!!!

    Un abbraccio virtuale fortissimo!! :D e spero di raggiungerti quest'estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tante grazie Daniela, per il momento sono ancora traballante, ma spero di stabilizzarmi al meglio nei prossimi giorni!
      Ti abbraccio, e spero di vederti qui in Giappone!

      Elimina
  4. Meno male che sono a casa, se avessi letto questo post al lavoro avrei fatto fatica. Perchè mi sono commossa...
    Ci si può affezionare a una persona senza averla mai vista? Io dico di sì. Ti auguro di vivere l'esperienza con tutto l'entusiasmo e l'impegno di cui sei capace.
    Fai buon viaggio, non vedo l'ora di avere tue notizie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero, già è un momento in cui sono un po' emotiva, tutto questo affetto mi commuove tantissimo! A presto!

      Elimina
  5. Fai un buon viaggio e vivi il Giappone, per fortuna al giorno d'oggi la tecnologia aiuta a mantenere i contatt. So che la videochiamata o una semplice chiamata o una mail non potranno mai sostituire un incontro vero e proprio e tutte le emozioni che si provano con la persona davanti, ma spero che potranno aiutarti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo Skype e simili sono un grande aiuto, per fortuna che li hanno inventati! Grazie!

      Elimina
  6. Buon Viaggio! Leggere il tuo post mi ha fatto ricordare il mio "giorno della partenza", ti faccio un grande in bocca al lupo, sono sicura che sarà un'esperienza fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante, spero proprio che tu abbia ragione! :)

      Elimina
  7. Sauuuuuuc il kit kat al wasabi! In bocca al lupo x tutto. Sventolo il fazzolettino bianco e lo striscione da tifo da stadio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il kitkat sarà il premio d'eccellenza della tombolata, quindi preparatevi!

      Elimina
  8. Buon viaggio!!! ç_ç
    Vedrai che avrai tanti momenti felici e conoscerai persone importanti anche lì!

    RispondiElimina
  9. Arrivo tardi ma: Buon Viaggio ^^
    Vedrai che ti divertirai tantissimo (e sappi che ti invidio da morire) ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Questi giorni sono stati un po' fiacchi, tra pulizie di casa e sistemazione, ma presto spero di iniziare a divertirmi sul serio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...