11/08/12

Recensione: The Shock Labyrinth: Extreme 3D

The Shock Labyrinth: Extreme 3D
戦慄迷宮 Senritsu meikyû
Takashi Shimizu
Giappone, 2009

Il ritorno di un ragazzo alla sua cittadina natale, che aveva lasciato dopo la morte della madre, è l'occasione per ritrovare gli amici d'infanzia che aveva perso di vista. Tra loro riappare però anche Yuki, creduta morta quando erano piccoli. Per risolvere il mistero i giovani tornano al labirinto nel quale, durante i loro giochi di bambini, era avvenuta la tragedia.

Takashi Shimizu, famoso a livello internazionale per il terrificante Ju-on, si dà all'horror in 3D e impiega gran parte delle sue energie nella creazione di effetti con cui stupire lo spettatore goloso di effetti speciali.



La trama, purtroppo, è soltanto un pretesto poco credibile per far volare pupazzi e palloncini a caso, senza provocare nemmeno un brivido di spavento o un secondo di tensione. Al contrario, l'ammasso di eventi incoerenti e banali finisce per creare un senso di ilarità, favorita dalle limitate espressioni facciali degli interpreti su cui spicca un protagonista bravo solo a sgranare gli occhi o fingersi in catalessi, coinvolgendo come soltanto uno stoccafisso congelato saprebbe fare.

The Shock Labyrinth: Extreme 3D

Nel calderone magico stavolta si è voluto gettare un po' di tutto, per esser certi di non scordare nemmeno un ingrediente dell'horror più scontato: la ragazza-spirito vendicativa, l'amica cieca con una sensibilità particolare, la sorella minore invidiosa, le rivalità in amore, il bravo ragazzo che nasconde un segreto, il labirinto, le scale a chiocciola e chi più ne ha più ne metta.
Quello che dovrebbe rivelarsi a poco a poco come un dramma psicologico, nel quale far riaffiorare traumi e sensi di colpa rimossi, rimane un esercizio malriuscito al servizio della tridimensionalità. L'alternanza di diversi piani temporali, altro espediente visto e rivisto, è resa ancora più ovvia dall'uso di un'inattuale fotografia lattiginosa per le sequenze ambientate nel passato, che fa tanto anni Novanta.
L'unico terrore che proverete a fine visione sarà quello di perdere altro tempo prezioso della vostra vita davanti a film così brutti.
Voto: 3

10 commenti:

  1. ..ormai ho 1 grande esperienza nel riuscire a capire le insidie dei film stranieri dai trailer...e questo effettivamente non l'ho deliberatamente "acquistato"..ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo dieci minuti l'abbiamo messo a 1.5x e già così è stato uno strazio...

      Elimina
  2. visto.... =.=''
    saluti momosi cara nihon! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata una coraggiosa anche tu allora! :)
      Buon fine settimana!

      Elimina
  3. immaginavo fosse una schifezza.
    mi sa che me lo risparmio tranquillamente!

    RispondiElimina
  4. Ahahah... ma non può essere neanche nella categoria "così brutto che è bello"? (grazie per il commento)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, questo purtroppo non ha "l'effetto Twilight", è brutto senza speranze! (Di nulla :) )

      Elimina
  5. Ok, allora passo sicuramente XD
    Basta una vittima immolata alla causa della visione di questo film ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, mi sono sacrificata per il bene di molti altri! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...