28/05/12

Recensione: Le Roi et l'Oiseau

Le roi et l'oiseau
Le Roi et l'Oiseau
Paul Grimault
Francia, 1980

Il regno di Takicardie è governato dall'arrogante re Charles V + III = VIII + VIII = XVI, appassionato cacciatore, dispotico e pronto a sbarazzarsi di chiunque non si mostri d'accordo con le sue bizze. L'unico oppositore al suo regime è un uccello che vive coi suoi piccoli proprio sul castello del re. Il sovrano è affascinato dalla pastorella ritratta in un quadro custodito nelle sue stanze, la quale però pare prediligere lo spazzacamino del dipinto a fianco.

Le Roi et l'Oiseau, diretto da Paul Grimault, sceneggiato da Jacques Prévert e tratto dalla favola La pastorella e lo spazzacamino di Hans Christian Andersen, ha alle spalle una storia travagliata: la lavorazione, infatti, iniziò nel 1948 ma, per mancanza di fondi e screzi tra regista e produttori, fu portato a termine nella forma attuale solo nel 1980.

La storia è adatta a un pubblico infantile, ma offre all'occhio adulto numerosi riferimenti e simbologie, rendendo la visione interessante a ogni età. L'abbondanza di elementi onirici e la forza delle scenografie, inoltre, è in grado di sorprendere a ogni scena: così inseguimenti lunghi e narrativamente superflui diventano un modo per scoprire la strabiliante struttura della residenza reale, vero gioiello visionario.

Le roi et l'oiseau
Il castello da solo meriterebbe lo spazio di una recensione. Sulla tradizionale struttura medievale si innestano innumerevoli elementi estranei dando vita a un'architettura che fonde meravigliosamente epoche e stili apparentemente inconciliabili. Capitelli classici, ori barocchi, echi arabeggianti, grattacieli e sotterranei che ricordano da vicino Metropolis di Fritz Lang e prospettive mutuate alla pittura metafisica di Giorgio de Chirico, il tutto circondato da un sistema di canali che richiama esplicitamente Venezia, con tanto di Palazzo Ducale e Ponte dei Sospiri: non si può mai sapere cosa si scoprirà girando l'angolo.

Il sogno fa irruzione nella realtà quando i personaggi dei dipinti escono dalle cornici e prendono vita, diventando protagonisti dell'azione. L'occhio sulla Storia rimane però spalancato: il re, il cui potere è fondato sul culto della personalità, pronuncia a un certo punto la frase "Le travail, c'est la liberté", allusione per nulla velata all'Arbeit macht frei dei campi di concentramento. La critica al nazismo e all'assolutismo in generale non sono le sole che si trovano nel film: a queste si aggiungono il disprezzo per il cieco servilismo e la smodata avidità, la diffidenza nei confronti dell'alientante lavoro in catena di montaggio, l'ingiustizia dell'allontanamento di invisibili e indesiderati, in breve si punta il dito contro molte delle piaghe della modernità incalzante, rendendo il messaggio di fondo ancora attuale e condivisibile.

Le roi et l'oiseau

Ci sarebbe molto altro da dire su un lungometraggio denso di significati, a tratti visivamente incredibile, traboccante di citazioni e rimandi, ancora in grado di stupire anche nell'epoca degli effetti speciali a profusione, ma non voglio rovinare la sorpresa: dovete vederlo e rimanere a bocca aperta voi stessi.
Se non vi bastasse il mio parere, vi dico anche che Le Roi et l'Oiseau ha influenzato l'opera di Hayao Miyazaki e Isao Takahata i quali, innamorati di questo film, lo distribuirono in Giappone. Vi ho convinti o no?
Voto: 8½

12 commenti:

  1. Sembra molto carino! Lo metto in lista :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia è molto semplice e lineare, ma la messa in scena è incredibile.

      Elimina
  2. ciao elena!
    purtroppo non ho tempo di leggere il post adesso e quindi il mio commento c'entrerà come i cavoli a merenda, ma...ti ho assegnato anch'io un premio! XD
    http://valeriacafagna.blogspot.jp/2012/05/versatile-blogger.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria! Figurati, immagino sarai sempre di corsa. Ti ringrazio tantissimo per il premio, mi fa davvero piacere! A presto :)

      Elimina
  3. Eh eh... avevamo il manifesto a scuola di questo film. Tu dove l'hai scovato? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lessi da qualche parte (ma ovviamente non ricordo dove) una lista dei migliori film d'animazione e questo era tra le prime posizioni. Inutile dire che l'ho dovuto recuperare!

      Elimina
  4. Ho visto degli spezzoni su youtube, sembra davvero dolce e poetico.
    Purtroppo non credo sia stato distribuito in Italia T_T.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti, è stato distribuito il Giappone ma non da noi. L'ho trovato coi sottotitoli in italiano, ma essendo in francese e avendo una storia semplice si riesce a seguire bene anche senza.

      Elimina
  5. Interessante, lo cerco sicuramente. Ma c'è una versione in un'idioma per me comprensibile come l'inglese o perlomeno sottotitolato? Di francese non ne capisco molto XD
    La distribuzione italiana è da no comment e, come al solito, ha perso una buona possibilità XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Tntvillage si trova sottotitolato in italiano, ma da metà in poi i sottotitoli magicamente spariscono. Coi sottotitoli in inglese forse si trova visto che dovrebbero averlo distribuito in paesi anglofoni, ma non te lo assicuro perché non ho cercato.
      Sulla distribuzione italiana stendiamo il solito velo pietoso...

      Elimina
  6. Ehi Elena,
    ho scelto il tuo blog per un premio.
    Puoi vederlo qui: http://kimono-design.blogspot.it/2012/05/liebster-blog-award.html
    Continua così!!!

    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Vale, vengo subito a leggere!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...