23/03/12

Recensione: La farfalla sul mirino

Koroshi no rakuin
Branded to kill
(Koroshi no rakuin 殺しの烙印)
Seijun Suzuki
Giappone, 1967

Goro Hanada, feticista dell'odore del riso bollito, sposato con una donna che sta con lui solo per convenienza e quando capita lo tradisce, si guadagna da vivere lavorando come killer per la yakuza. Pur essendo il terzo sicario del paese manca il suo bersaglio e uccide una passante a causa di una farfalla che si posa sul mirino del suo fucile; viene perciò condannato a morte dalla criminalità organizzata. Si troverà così a dover fronteggiare il numero uno, il killer più temibile di tutti.



Una storia sulla carta semplice e non particolarmente originale diventa, in mano a Seijun Suzuki, un film di culto. La narrazione è frammentata in episodi, ma ogni apparente conclusione si collega linearmente al tassello successivo, creando un'opera solida e convincente. Le scelte registiche non convenzionali ne fanno una visione per nulla immediata, tanto che la casa di produzione Nikkatsu licenziò il regista temendo che i suoi lavori risultassero incomprensibili al pubblico.
Suzuki si appropria di tutti gli stereotipi del cinema noir e li rielabora ironicamente, creando tipi stilizzati (il killer vittima delle proprie ossessioni, la moglie arrivista, la femme fatale un po' spostata, l'assassino freddo e razionale) che vivono una storia volutamente esagerata, piena di scene di sesso esplicite, sparatorie, inseguimenti; Hanada non è un protagonista con cui empatizzare, è laido, egoista, disgustoso e violento, un sicario dipinto senza fronzoli.
La farfalla sul mirino, è grottesco, irreale, talmente eccessivo da diventare pop, di certo non un film per tutti. Se amate l'hard boiled, però, non può mancare tra le vostre visioni.
Voto: 8
Koroshi no rakuin

12 commenti:

  1. Mi incuriosisce molto, lo cercherò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, poi fammi sapere se lo vedi!

      Elimina
  2. Mi sembra di aver visto in giro il dvd in italiano, ma forse mi sbaglio. Comunque, un altra bellissima recensione, e un altro film da aggiungere nella mia wish-list (che grazie a te si sta allungando vertiginosamente!XD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho visto in originale sottotitolato ma il dvd in italiano dovrebbe esistere. Grazie per i complimenti, con la mia cinefilia ossessiva sto incrementando a dismisura liste di visione di tante persone che finiranno per odiarmi! ;)

      Elimina
  3. Molto interessante. Il noir mi affascina, anche se non sempre poi mi piace, lo metto in lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo come noir è un po' particolare, ma è un bellissimo film.

      Elimina
  4. In attesa di tornare decentemente operativa,leggermi i post arretrati e commentare come si deve,nel mio blog c'è un pensierino per te ^_^

    RispondiElimina
  5. Il tuo blog per me sta diventando un elenco lunghissimo di cose da vedere! Questo film si aggiunge alla lista, ma mi sa che salterà subito ai primi posti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre felice quando i miei consigli si rivelano utili.

      Elimina
  6. Questo sembra proprio un film adatto ai miei gusti, segno sulla lista con nota prioritaria....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero non deluda le tue aspettative!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...