30/01/12

Recensione: Memories of Matsuko

Memories of Matsuko

Sho, giovane musicista fallito dalla vita disordinata, viene incaricato dal padre di svuotare la casa della zia Matsuko, che non ha mai incontrato e che è stata trovata assassinata pochi giorni prima. Mentre sistema le cose appartenute alla donna, Sho scopre a poco a poco, in un lungo flashback, la vita disastrata di quella sconosciuta parente.


Tetsuya Nakashima porta in scena un melodramma in cui, per farla breve, va tutto male. La biografia della bella Matsuko, il cui solo desiderio è di essere amata, è un susseguirsi di mazzate una peggio dell'altra. Per tutta la vita la donna, psicologicamente plasmata da una carenza di affetto paterno, cerca un uomo che risponda "okaeri" (bentornata) al suo "tadaima" (sono a casa), imbattendosi invece in una lunga sfilza di bastardi patentati.
Perfetta incarnazione del proverbio giapponese Cadi sette volte, rialzati otto, Matsuko torna in piedi dopo ognuno degli ostacoli in cui si imbatte. È inoltre esempio, in chiave attuale, della donna giapponese per cui la sopportazione è un valore, modello culturale discutibile ma che innegabilmente è stato parte della cultura nipponica per secoli.

Nonostante le premesse e una durata leggermente sopra le due ore, Memories of Matsuko non annoia e non si trasforma in un patetico polpettone grazie a una brillante scelta registica: Nakashima utilizza infatti un registro originalissimo, mettendo in scena un film solare, esageratamente colorato, pieno di fiori e grafica digitale in stile Disney, che ricorda un videoclip.
Una facile associazione è quella con Il favoloso mondo di Amélie, altrettanto pieno di forza immaginativa: Matsuko è, in un certo senso, erede della fantasia dell'eroina indimenticabile di Jeunet, con la sfortuna di non vivere in quella fucina dell'amore che è Parigi.
Le numerose parti cantate, spesso comprensive di coreografia, sono utilizzate come espediente narrativo per mostrare, nel breve tempo della canzone, interi episodi della vita della protagonista, senza banalizzarli o renderli pedanti.

Vera gemma del film è la squisita interpretazione della protagonista, la splendida Miki Nakatani, meravigliosamente espressiva nelle scene divertenti (quelle iniziali, con le esilaranti smorfie per far ridere il padre) e intensa in quelle drammatiche. Il suo è anche l'unico personaggio a tutto tondo del film, mentre gli altri sono spesso volutamente bidimensionali, dominati da un unico sentimento o da una sola motivazione.

In conclusione, Memories of Matsuko è un bellissimo film in cui la tecnica esalta la narrazione, e le sperimentazioni aggiungono quel tocco in più che ne fa un'opera originale ed emozionante. Il regista si è premurato di creare un'eroina che è impossibile non amare e di immergerla in una vicenda così cupa da far piangere a fiumi più di uno spettatore (me compresa). Bravo.

Voto: 8
Memories of Matsuko

10 commenti:

  1. Sembra bello, ma in questo momento ho voglia di qualcosa di più allegro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai voglia di cose allegre stai alla larga da questo film... io ho singhiozzato come una scema per dieci minuti dopo la fine.

      Elimina
  2. Inserisco subito nella mia famigerata lista, in cui, tra le altre mille cose, c'è anche ancora Il favoloso mondo di Amélie. Mi ispira molto vedere le sfortune di questa poverette XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè Amélie è un classicone che io adoro, devi vederlo! In confronto Matsuko è decisamente più sfortunata, ma l'approccio alla vita delle due in certi momenti è simile.

      Elimina
  3. Dovrebbe piacermi anche se non è "lieto" come Amélie (che avrò visto 1200 volte più una 10 di volte in francese), l'atmosfera mi piace e mi ispira! Intanto ho visto "the Lost thing" ed è esattamente come me lo aspettavo : mi piace molto il suo modo di narrare attraverso "forme strane" situazioni famigliari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra fan di Amélie, ottimo! Allora amerai anche Matsuko.
      Mi fa piacere che ti sia piaciuto The lost thing, dovrò fare qualche ulteriore ricerca su Shaun Tan perché è proprio bravo.

      Elimina
  4. Ecco un film da vedere assolutamente, grazie.
    Complimenti per le tue recensioni, sempre chiare ed appassionanti ^_^

    RispondiElimina
  5. Ciao!!

    Dove posso trovare questo film?

    Grazie,
    ciao Lullaby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, onestamente non ricordo dove l'ho trovato, ma se fai una ricerca su torrent non dovresti avere difficoltà.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...